Welcome to Our Website

Key generator stata 12 mac crack torrent

Hack readiris Pro 17.1 Crack + Activation Code 2020 Free

Stata/MP 15.1 download free - Mac Torrents: Torrent mac. Rhino for Win is the market leader in industrial design modeling software and. Education software downloads - SPSS by IBM and many more programs are available for instant and free download. Stata 12 mac crack torrent. Stata has had 1 update within the past 6 months. The leading data analysis and statistical solution for Microsoft Excel.

Serial key using info hash to download files

How to download Stata 15 for free. Stata 15 crack Plus Serial Key Full Download Updated Here. Stata 15 Crack with License Key may be the complete, integrated and customary purpose software record package. Free Books: Download & Streaming: eBooks and Texts https://ya-pilot.ru/download/?file=1233. Borrow a Book Books on Internet Archive are offered in many formats, including. Posted in: Research Skill, Softwares.

  • Tutorial to Installation and Crack Stata 13 for Windows 7
  • Angela Miller wants to Donate to Amnesty International USA
  • Stata 15 Crack + Licence Key + Keygen download
  • Stata 12 (all Flavours, 32 And 64 Bit) Crack
  • GraphPad Prism 9 Crack [Win & MAC] 2020 Serial Number
  • IHS EViews Software and Data Download Area
  • SPSS Crack Full Version 26.0 Setup with Tested SPSS
  • Matlab Torrent With Crack Kickass

Stata 16.1 Crack Full Torrent + License Key Latest Version

Tolerance Data Keygen 2020 Ram. Menus can show the weather based on your current location, or for almost any city in the world. StataCorp Stata 14 dmg for mac free download full version. Format 118 is also used by Stata/IC 15, Stata/SE 15, and, by default, in Stata/MP 15. Format 118 uses two bytes to represent variable numbers, and as such, Stata/MP 15's new maximum of 120, 000 variables is impossible to save in a format 118 dataset. Bookstore Stata Journal Stata News. Welcome to Practical Time Series Analysis!

  • Download ibm spss statistics 19 free (Windows)
  • Exhale By Output Serial Numberinstmank
  • ReiBoot 7.3.4.4 Crack Full License Key Latest Version
  • Stata 14 32-64 bit for Windows, Mac os x, Linux
  • LINKCRACKED - Cracked Software's (Mac + Win)
  • Stata 13 - Win&Mac, small IC SE MP, full install
  • Getting Started in Data Analysis using Stata
  • Program Stata 12 Torrent
  • R-Studio 8.10 Crack + License Key 2020 Full Version Free
  • Stata 12 Serial Number Crack Mac 12
  • Stata 13 Download Crack - OLIVIA DANIELE
  • Stata - Free download and software reviews - CNET Download
  • Spss statistics 17.0 free download (Windows)
  • Which Stata is right for me?

Cracked stata 14 Mac Crack Apps

Gemini 2 Crack For Windows. Full feature 60-day free trial, no credit card and will not auto-charged. Rhinoceros 6.17 Crack + License Keygen 2020 Full Version her latest blog. EViews 11 SV / Lite (Mac) Patch ( 23M ) This patch is not available for manual installation. Make sure EViews is closed and not running before you run this patch. The most trusted torrent clients for Mac in the world.

Hacked stata Software Torrent Mac Os

Download Sound Forge Pro 14 for Windows to create, analyze, record, and edit digital audio files. Stata Mp Serial Torrent Crack X86 X64. Spss statistics 17.0 free download. Mac Application crack: Stata Se/mp 10 serial keygen. Crack Torrent + License Key Free Download by Leave a Comment Stata crack. SCRACKED - Cracked Software With All Keys (2020) https://ya-pilot.ru/download/?file=1229.

Gemini 2 Crack + Activation Code Final Version Free
1 Stata 11 (free version) download for PC 58%
2 Free Data Sets for Data Science Projects – Dataquest 49%
3 Windows Archives - Page 4 of 10 - InsiderEx - Info About 62%
4 Image-Line FL.Studio 12.1.2 Signature Bundle Serial Key Keygen 92%
5 MacOS Catalina 10.15.7 Download 74%
6 3DVista Virtual Tour 2020.1 Crack + Activation Code Full 39%
7 Invalid Syntax Stata 7%
8 Need a link to download free STATA for MAC urgently. Could 13%
9 Stata Mp Serial Mac Torrent 72%
10 Stata 15 Crack Full Torrent Magnet Link is Here [Latest] 44%

Activity code full Cracked Programs - Download free latest version of

Stata/SE can analyze up to 2 billion observations. Download Stata Torrent at TorrentFunk. Enjoy unlimited access to over 100 new titles every month on the latest technologies and trends. If you search for Stata 12 Crack. Both emails will be sent within one (1) day. Version control ensures statistical programs will continue to.

Keygen find Serial Keys and Installation Codes for Software

Verwenden Sie einen alternativen Browser (z. Stata. Stata licenses are not platform specific so you can use your license to install Stata on any of the supported platforms. Readiris Pro 17.1 Key Free can Add or Delete the page layout or order of your text document by using this excellent feature. Download Cracked Stata 13 Full Software Lovers Quotes, Make Happy, Reading Comprehension, Helping. Code' - Autodesk Stata 13 Download. What are the most-visited and working torrent sites at the start of 2020?

La magia popolare e l'origine del mormonismo

I “money-diggers”
In “History of the Church” Joseph Smith menziona di essere stato un cercatore di tesori solo un paio di volte e sembra vergognarsene a posteriori per il modo in cui taglia corto la discussione e cerca di dissociarsene.
“Nell’anno 1823 la famiglia di mio padre subì un grande dolore per la morte di mio fratello maggiore Alvin. Nel mese di ottobre del 1825 fui assunto da un anziano signore di nome Josiah Stoal, che viveva nella Contea di Chenango, Stato di New York. Egli aveva sentito dire di una miniera d’argento che era stata aperta dagli Spagnoli ad Harmony, Contea di Susquehanna, Stato della Pennsylvania, e prima di assumermi presso di lui aveva scavato, allo scopo di scoprire, se possibile, la miniera. Dopo che andai ad abitare con lui egli mi prese, col resto dei suoi operai, per scavare alla ricerca della miniera d’argento, cosa alla quale continuai a lavorare per circa un mese, senza successo per la nostra impresa, e alla fine persuasi l’anziano signore a cessare di scavare per cercarla. Di qui è nata la diceria assai diffusa che io sia stato un cercatore di tesori [money-digger nell’originale]. Durante il tempo in cui fui impiegato in questo modo, fui messo a pensione presso un certo Signor Isaac Hale, di quel luogo; fu là che vidi per la prima volta mia moglie (sua figlia) Emma Hale. Il 18 gennaio 1827 ci sposammo, mentre ero ancora impiegato al servizio del Signor Stoal.” (Joseph Smith – Storia 1:56-57)
In un monologo che prende la forma di un botta e risposta aggiunge laconicamente: "Non era Joseph Smith un cercatore di tesori [money-digger nell’originale]?” Sì, ma non fu mai un lavoro molto profittevole per lui, visto che con esso ricavò solo quattordici dollari al mese. (History of the Church, vol. III, p. 29)
Letti senza contesto, a un italiano sembra di capire che Joseph fosse stato semplicemente pagato da un uomo che cercava tesori per dargli una mano a dissotterrarli; ma i cosiddetti money-diggers o treasure seekers erano una cosa ben diversa nella cultura statunitense dell’epoca e vedremo che la versione di Joseph Smith nasconde molti punti controversi. Negli Stati Uniti era infatti diffusa la credenza popolare che Spagnoli, pirati o gli antichi abitanti dei luoghi avessero nascosto i loro sterminati tesori nelle colline che costellavano il Nordamerica e che attraverso bastoni da rabdomante (chiamati di solito mineral rods) o pietre magiche (chiamate seer stones o, se erano forate, peep stones) alcune persone potessero trovarli (questi individui venivano chiamati per questo peepers o glass lookers), anche se alla fine lo spirito guardiano del tesoro riusciva ad allontanare le ricchezze facendole sprofondare ulteriormente nel terreno, fuori dalla portata dei cercatori di tesori.
Nel 1729 Benjamin Franklin e Joseph Breintnall scrivono all’American Weekly Mercury le 32 “Busy-Body Letters” (dallo pseudonimo con cui le firmavano) e nell’ottava parlano di questo tipo di attività:
“C’è fra di noi un gran numero di onesti artigiani e uomini industriosi che, alimentati da una vana speranza di diventare ricchi in un batter d’occhio, trascurano i loro affari fino quasi a rovinare loro stessi e le famiglie e sopportano volontariamente grandi fatiche nell’infruttuosa ricerca di immaginari tesori nascosti. Vagano di giorno fra boschi e campagne per scoprire i marchi e i segni: a mezzanotte si danno alla speranzosa attività con pale e picconi; pieni di aspettative, lavorano con veemenza tremando allo stesso tempo in ogni giuntura per paura di certi demoni maliziosi che si dice infestino e sorveglino tali posti. Alla fine viene scavato un enorme buco e si buttano fuori magari anche diverse carrettate; ma ahimè, non si trova nessun barile o contenitore di ferro; nessun baule da marinaio zeppo di dobloni spagnoli o pesanti pezzi da otto! Allora giungono alla conclusione che con qualche errore nella procedura, qualche incauta parola pronunciata o, trascurata qualche regola dell’arte, lo spirito guardiano abbia avuto il potere di affondarlo più profondamente nella terra e metterlo fuori dalla loro portata. Eppure, quando un uomo è stregato in questo modo, è così lungi dall’essere scoraggiato da insuccessi che è invece portato a raddoppiare i suoi sforzi e proverà ancora e ancora in cento diversi posti, nella speranza di avere infine un qualche colpo di fortuna che possa immediatamente ricompensarlo a sufficienza per tutte le sue spese in tempo e lavoro.”
Gerard T. Hurley, nel suo saggio “Buried Treasure Tales in America” (Western Folklore, luglio 1951, p. 203), descrive così la versione più esperta di questi uomini:
“Il cercatore di tesori professionista sa molte cose. Realizza, per esempio, che un sonnambulo può condurre a un tesoro, che i tesori sprofondano nella terra quando qualcosa non va, che i tesori sfuggenti [slippery nell’originale] possono essere legati con un filo bianco di seta e salvati, e che vari momenti del giorno e del mese sono di miglior auspicio di altri per la ricerca. Capisce il complicato scopo di bastoni da rabdomante [divining rods nell’originale] e di altri rituali per la localizzazione di siti di tesori. Sa che il modo più sicuro per perdere un tesoro è di parlare mentre si scava e vi può dire che lo scopo di molti spiriti della terra e spettri è di spaventarvi tanto da farvi violare la regola del silenzio. Sa anche che parlare è permesso in un solo caso -quando uno legge dalla Bibbia, l’innario o il sesto e settimo libro di Mosè, un opuscolo di superstizione, magia nera e altri fini. Che il dio e il rito cristiano siano usati per recuperare il tesoro appare logico per via del fatto che l’origine di molti tesori implica spargimento di sangue e crimini, come è spiegato da un pescatore del South Carolina: “Tesoro sepolto da sprezzante, rancoroso e avido assassinio, furto e omicidio.” Una ricchezza di tale origine può essere ben vista come beni del diavolo. Gli spiriti guardiani del tesoro erano anche loro certamente creature maligne. L’area sotto il suolo -dove era solitamente situato il tesoro- è da tempo considerata il dominio del diavolo. Non è perciò sorprendente che le forze del bene venissero invocate in soccorso nel recupero delle ricchezze sepolte. Alcuni cercatori di tesori per la verità ricorrono all’aiuto del diavolo per localizzare tesori. In un caso, quando un pio cristiano aveva provato a scavare per un tesoro trovato con l’aiuto del diavolo, emersero dalla buca demoni e uccelli dai grandi occhi per schernire tutti i bravi uomini. Nella maggior parte dei racconti, tuttavia, l’evocazione è fatta nel nome del dio cristiano e le precauzioni che si prendono possono essere collegate senza gran difficoltà a riti e credenze cristiani. Oltre a leggere le scritture e l’innario e usare un libro attribuito a Mosè, il più grande di tutti gli evocatori, colui che sorveglia lo spirito osserva altre pratiche. Non andrà a caccia di tesori con nessuno che abbia versato sangue. Può contenersi sessualmente per quattro giorni prima di partire alla ricerca. Ripulisce le tasche dal tabacco.”
Queste stesse credenze di tesori che vengono sepolti e poi scivolano via quando si cerca di recuperarli appaiono anche nel Libro di Mormon, dicendoci qualcosa sulla cultura del suo autore:
“Ed ecco, una maledizione colpirà il paese, dice il Signore degli Eserciti, per colpa del popolo che vi vive, sì, a causa della loro malvagità e delle loro abominazioni. E avverrà, dice il Signore degli Eserciti, sì, il nostro grande e vero Dio, che chiunque nasconderà dei tesori nella terra non li ritroverà più, a causa della grande maledizione del paese, salvo che sia un uomo giusto e lo nasconda per il Signore. Poiché io voglio, dice il Signore, ch’essi nascondano i loro tesori per me; e maledetti sian quelli che non nascondono i loro tesori per me; poiché nessuno nasconde il suo tesoro per me salvo i giusti, e colui che non nasconde il suo tesoro per me è maledetto, e anche il tesoro, e nessuno potrà recuperarlo, a causa della maledizione del paese. […] Oh, se mi fossi pentito e non avessi ucciso i profeti e non li avessi lapidati e scacciati. Sì, in quel giorno direte: Oh, se ci fossimo ricordati del Signore nostro Dio nel giorno in cui ci dette le nostre ricchezze, allora non sarebbero divenute fugaci e non le avremmo perdute; poiché, ecco, le nostre ricchezze se ne sono andate. Ecco, lasciamo qui un attrezzo e l’indomani è sparito; ed ecco, le nostre spade ci sono tolte il giorno in cui le cerchiamo per combattere. Sì, abbiamo nascosto i nostri tesori e ci sono scivolati via a causa della maledizione sul paese. Oh, se ci fossimo pentiti nel giorno in cui ci giunse la parola del Signore; poiché ecco, il paese è maledetto ed ogni cosa è divenuta viscida [slippery nell’originale] e non possiamo trattenerla.” (Helaman 13:17-19, 33-36, profezia di Samuele il Lamanita)
“E quei ladroni di Gadianton che erano fra i Lamaniti infestavano il paese, tanto che i suoi abitanti cominciarono a nascondere i loro tesori sotto terra; ed essi diventarono imprendibili perché il Signore aveva maledetto il paese, cosicché non poterono più custodirli, né ricuperarli. E avvenne che c’erano sortilegi, e stregonerie e magie; e il potere del maligno veniva esercitato su tutta la faccia del paese, fino all’adempimento di tutte le parole di Abinadi ed anche di Samuele il Lamanita.” (Mormon 1:18-19)
Anche gli Smith credevano a queste superstizioni e le praticavano assiduamente, tanto che la matriarca Lucy Mack Smith scrive nella biografia del figlio, per prevenire le accuse di indolenza rivolte spesso ai cercatori di tesori: “Ora cambierò il soggetto per il momento. Ma il mio lettore non immagini, dato che seguirò un altro tema per un po’, che cessammo il nostro lavoro e andammo a provare a ottenere la facoltà di abrac, tracciare cerchi magici o divinare a scapito di ogni attività. Non abbiamo mai permesso durante le nostre vite che un interesse importante inghiottisse ogni altra obbligazione. Ma, mentre lavoravamo con le nostre mani, ci sforzammo di ricordare la cura e il benessere delle nostre anime.” (Lucy Mack Smith, History, 1844-1845, libro 3, p. 10)
Abner Cole, che pubblicava il suo quotidiano a Palmyra, fa diversi riferimenti agli Smith e nel numero del Reflector del 1° febbraio 1831 dice, parlando dei cercatori di tesori della zona:
“Non è inopportuno a questo punto menzionare che la mania di cercar tesori iniziò a diffondersi rapidamente in molte parti di questo paese; uomini e donne senza distinzione di età o sesso divennero meravigliosamente dotti nelle scienze occulte, molti sognavano e altri ebbero visioni che rivelavano loro tesori ricchi e luccicanti nelle profondità della terra e, per facilitare queste vaste operazioni minerarie (il denaro si cercava di solito, se non sempre, nelle tenebre della notte), furono inventate varie tecniche e strumenti e, sebbene lo spirito fosse sempre in grado di trattenere il suo prezioso carico, questi esseri sconvolti e illusi tornavano al lavoro la notte successiva senza dubitare lontanamente che il successo avrebbe infine seguito le loro fatiche.
Bastoni da rabdomante [mineral rods nell’originale] e sfere (com’erano chiamati dagli impostori che ne facevano uso) erano considerati guide infallibili per la fonte delle ricchezze. Pietre divinatorie [peep stones nell’originale] o ciottoli, presi indistintamente da un torrente o un campo, venivano messi in un cappello o un altro posto separato dalla luce; maghi o streghe (poiché queste esibizioni non erano limitate a un solo sesso) vi aderivano gli occhi e, quasi scuotendo via i loro bulbi oculari dalle orbite, dichiaravano di vedere tutte le meraviglie della natura inclusi ovviamente grandi depositi di argento e oro.”
L’umorista Seba Smith, nel suo racconto del 1840 “The Money Diggers: A Down East Story”, spiega il funzionamento di queste mineral rods:
“Ma che cos’è un bastone da rabdomante?” disse Bill. “Ma come, non lo sai? È un ramo verde biforcuto di amamelide, tagliato lungo un piede e mezzo o due piedi. E coloro che hanno il potere di adoperarlo impugnano le estremità del ramo in ciascuna mano e tengono l’altra estremità dove i rami si uniscono puntata verso il cielo. E quando sono vicini a dove ci sono minerali, oro o argento sepolti nel suolo, il bastone si piega in quella direzione; e quando arrivano sul punto esatto, il bastone si piegherà all’ingiù puntando verso il suolo.”
Il 20 marzo 1826 Joseph finirà nei guai quando dei parenti di Josiah Stoal (scritto anche Stowel e Stowell in altri documenti) lo denunciano per essere “una persona molesta e un impostore”. Già nel 1783 una legge di New York aveva definito persone moleste "tutti coloro che sostengono di avere abilità in fisiognomia, chiromanzia o simili scienze capziose o che sostengono di poter predire il futuro o scoprire dove possono essere nascosti beni perduti.” (“Laws of the State of New-York”, vol. I, p. 123)
Gli appunti del giudice Albert Neely (Fraser’s Magazine, febbraio 1873, vol. VII, p. 229-230) contengono una dichiarazione interessante di Joseph Smith (definito glass looker nella nota spese del processo) su una sua certa pietra data durante il processo:
“Il prigioniero è interrogato: dice che viene dalla cittadina di Palmyra e che era stato in casa di Josiah Stowel a Bainbridge per la maggior parte di quel tempo; era stato impiegato per poco tempo nella ricerca di miniere ma era stato impiegato da detto Stowel per lo più alla sua fattoria e ad andare a scuola. Che aveva una certa pietra che aveva scrutato occasionalmente per determinare dove ci fossero dei tesori nascosti nelle viscere della terra; che afferma di dire in tal modo dove ci fossero delle miniere d’oro a una certa profondità sottoterra e che aveva scrutato diverse volte per il signor Stowel e lo aveva informato su dove avrebbe potuto trovare questi tesori e che il signor Stowel era stato occupato a scavare per trovarli. Che a Palmyra rivendicava di poter dire guardando la sua pietra dove fossero sepolte in Pennsylvania monete coniate e che, mentre era a Palmyra, aveva stabilito frequentemente in quel modo dove fossero situati beni perduti di vario genere; che per tre anni aveva avuto occasionalmente l’abitudine di guardare attraverso questa pietra per trovare beni perduti, ma che ultimamente aveva praticamente lasciato perdere in quanto danneggiava la sua salute, specialmente i suoi occhi, facendoglieli dolere; che non sollecitava affari di questo tipo e che aveva invece sempre rifiutato di avere qualcosa a che fare con queste attività.”
Abbiamo anche la testimonianza di un collega:
“Jonathan Thompson dice che al prigioniero fu richiesto di cercare un baule di soldi; guardò e sostenne di sapere dove fosse e che il prigioniero, Thompson e dei lavoratori andarono alla sua ricerca; che Smith arrivò sul luogo per primo; era notte; che Smith guardò nel cappello mentre era lì e, quando fu molto buio, disse com’era disposto il forziere. Dopo aver scavato per diversi piedi colpirono qualcosa che fece un rumore simile ad una tavola o a un’asse. Il prigioniero non guardò di nuovo, sostenendo che era preoccupato in merito alle circostanze in cui era stato sepolto il baule e di cui si era appena ricordato. Che l’ultima volta che aveva guardato aveva visto distintamente i due Indiani che avevano sepolto lo scrigno, che fra i due era seguito un litigio e che uno di questi Indiani era stato ucciso dall’altro e gettato nella fossa di fianco al forziere per fargli, immaginava, la guardia. Thompson dice che crede nelle abilità professate dal prigioniero; che l’asse che aveva colpito con la sua pala era probabilmente il forziere ma che a causa di un incantesimo il cofano continuava ad allontanarsi da sotto di loro mentre scavavano; che ciononostante persistettero continuamente a rimuovere terreno mentre tuttavia il forziere si manteneva pressappoco equidistante da loro.”
Martin Harris conferma questi eventi in un’intervista del 1859 allo spiritualista Joel Tiffany: “In quel vicinato c’era una compagnia che scavava per trovare denaro che era stato nascosto presumibilmente dagli antichi. In questa compagnia c’erano l’anziano signor Stowel -credo che il suo nome fosse Josiah- e anche l’anziano signor Beman, poi Samuel Lawrence, George Proper, Joseph Smith figlio, suo padre e suo fratello Hiram. Scavavano alla ricerca di denaro a Palmyra, Manchester e anche in Pennsylvania e altri luoghi. Quando Joseph trovò questa pietra, c’era una compagnia che scavava a Harmony, in Pennsylvania, e avevano ingaggiato Joseph per guardare nella pietra per loro; e così fece per un po’, ma poi disse loro che l’incantesimo era così forte che non poteva vedere e rinunciarono.” Harris spiega anche nel paragrafo precedente, in cui parla delle tavole d’oro, che “queste tavole vennero trovate nel punto settentrionale di una collina due miglia a nord del villaggio di Manchester. Joseph aveva una pietra che era stata estratta dal pozzo di Mason Chase a 24 piedi sotto la superficie. In questa pietra poteva vedere molte cose, è mia conoscenza certa. Fu attraverso questa pietra che scoprì per la prima volta quelle tavole.”
Gli affidavit di Hurlbut
Dopo essere stato scomunicato nel 1833, Doctor Philastus Hurlbut decide di andare a Palmyra e Manchester per raccogliere degli affidavit (dichiarazioni giurate davanti a un giudice o notaio alla presenza di testimoni) di vicini, compaesani e conoscenti degli Smith, che mettono in luce le loro attività di cercatori di tesori. Di seguito ne sono citati alcuni, che spesso e volentieri erano anch’essi cercatori di tesori ma tenevano a che non si sapesse visto che criticavano gli Smith per fare lo stesso.
Willard Chase era un altro cercatore di tesori e per salvare la faccia nasconde che anche sua sorella Sally era molto famosa per usare una pietra divinatoria verde. Racconta che nel 1822 aveva assunto Joseph Smith e il fratello Alvin per scavare un pozzo (per suo fratello Mason) e che trovò una pietra dall’aspetto particolare, quella che poi userà per cercare i tesori e dettare il Libro di Mormon.
“Joseph la mise nel suo cappello e poi mise la sua faccia nell’apertura del cappello. Smith ha detto che aveva tirato fuori lui la pietra dal pozzo, ma questo è falso: c’ero soltanto io in quel pozzo. La mattina seguente venne da me desiderando ottenere la pietra, dicendo che poteva vederci dentro; gli dissi che non volevo separarmene perché era particolare, ma che potevo prestargliela. Dopo aver ottenuto la pietra cominciò a rendere pubbliche quali meraviglie poteva scoprire guardandoci dentro e creò un tale tumulto fra la parte credulona della comunità che gli ordinai di restituirmela.”
Joseph riuscì comunque a farsi prestare di nuovo la pietra, ma stavolta non gliela restituì. Chase aggiunge poi che nel giugno del 1827 Joseph Smith padre gli aveva raccontato quanto segue sul ritrovamento del Libro di Mormon:
“Alcuni anni fa uno spirito era apparso in una visione a suo figlio Joseph e lo aveva informato che esistevano in un certo posto degli annali su tavole d’oro e che egli era la persona che doveva ottenerli facendolo nel modo seguente: il 22 settembre [n.b. equinozio d’autunno] avrebbe dovuto recarsi nel luogo in cui era deposto questo manoscritto vestito in abiti neri e conducendo un cavallo nero con un frustino, e richiedendo il libro in un certo nome e, dopo averlo ottenuto, avrebbe dovuto andarsene via direttamente senza posarlo a terra né guardando dietro di sé. Pertanto fornirono Joseph di un completo nero e presero in prestito un cavallo nero. Si recò nel luogo di deposito e chiese il libro, che era in una scatola di pietra non sigillata e così vicina alla superficie che poteva vederne un’estremità e, sollevatala, estrasse il libro d’oro. Ma, temendo che qualcuno avrebbe potuto scoprire dove l’avesse preso, lo posò a terra per rimettere a posto il coperchio di pietra così come lo aveva trovato; giratosi, fu sorpreso che non ci fosse nessun libro in vista. Riaprì di nuovo la scatola e ci vide dentro il libro e provò a tirarlo fuori, ma venne ostacolato. Vide nel contenitore una cosa simile a un rospo, che assunse rapidamente le sembianze di un uomo e lo colpì sul lato della testa. Non scoraggiato da una sciocchezza, si piegò di nuovo per cercare di recuperare il libro quando lo spirito lo colpì nuovamente scagliandolo lontano tre o quattro pertiche [una pertica misurava circa 5 metri] e facendogli molto male. Dopo essersi ripreso dallo spavento, chiese perché non potesse recuperare le tavole, al che lo spirito rispose perché non aveva seguito i suoi ordini. Chiese poi come avrebbe potuto averle e gli fu risposto così: vieni fra un anno da oggi, porta con te il tuo fratello maggiore e le avrai.”
Alvin però morì due mesi dopo e, al secondo incontro, lo spirito gli disse di tornare l’anno successivo con un certo uomo, che avrebbe riconosciuto dopo averlo visto. Joseph decise che costui era Samuel T. Lawrence, suo compagno nella caccia a tesori nascosti, e lo portò sulla collina di Cumora. Lì “Gli mostrò dove fosse il tesoro. Lawrence gli chiese se avesse trovato qualcosa assieme alle tavole d’oro; gli disse di no; gli chiese quindi di guardare nella sua pietra per vedere se non ci fosse nulla con esse. Guardò e disse che non c’era nulla; gli disse di guardare di nuovo e di controllare se non ci fosse un grande paio di occhiali assieme alle tavole; guardò e vide un paio di occhiali, gli stessi con i quali Joseph disse di aver tradotto il Libro di Mormon.”
Joseph poi raccontò a Chase che, accompagnato in carrozza dalla moglie Emma ai piedi della collina, aveva recuperato le tavole e le aveva nascoste in un tronco. Qualche giorno dopo, andando a recuperarle per timore che qualcuno le avesse trovate, aveva steso due uomini che lo avevano aggredito mentre le portava a casa avvolte nella sua giacca. “Fece l’osservazione che non avrebbe ottenuto il libro se non fosse stato per quella pietra (che riconobbe essere di mia proprietà).” Poi “Dato che i suoi vicini erano disgustati dalle sue sciocche storie, decise di tornare in Pennsylvania per evitare quella che lui chiamava persecuzione.” Joseph fa la conoscenza del facoltoso fattore Martin Harris, a cui chiede 50 dollari, e “Nella primavera del 1829 Harris andò in Pennsylvania e, al suo ritorno a Palmyra, riportò che la moglie del profeta avrebbe dato alla luce nel mese di giugno un maschietto che sarebbe stato in grado a due anni di tradurre la Bibbia d’oro. Poi disse che avremmo visto Joseph Smith camminare per le strade di Palmyra con sottobraccio una Bibbia d’oro indossando un pettorale aureo e con una spada d’oro sul fianco. Questo tuttavia si rivelò del tutto falso.”
Peter Ingersoll: “Un giorno stavo arando vicino alla casa di Joseph Smith padre verso mezzogiorno e mi chiese di camminare con lui non lontano da casa sua per vedere se un bastone da rabdomante [mineral rod nell’originale] potesse funzionare nelle mie mani, dicendomi anche che era sicuro che sarebbe stato il caso. Dato che i miei buoi stavano mangiando e che io stesso ero libero, accettai l’invito. Quando arrivammo vicino a dove diceva ci fosse il denaro, tagliò un cespuglietto di amamelide e mi spiegò come tenerlo. Si allontanò poi qualche pertica e mi istruì di dire al bastone “vai verso i soldi”, cosa che feci a voce alta. Mi rimproverò severamente di averlo detto forte, dicendo che doveva essere sussurrato. Era un’attività nuova per me. Mentre il vecchio stava a qualche pertica mettendosi in varie pose, gli dissi che il bastone non funzionava. Sembrò molto sorpreso e disse che gli sembrava di averlo visto muoversi nelle mie mani. Era il momento per me di tornare al lavoro. Al mio ritorno raccolsi una piccola pietra lanciandomela noncurante fra una mano e l’altra. Mi disse, sembrando molto serio, cosa pensi di fare con quella pietra? Gli risposi lanciarla agli uccelli. Il vecchio disse no, ha molto valore e quindi gliela diedi. Mi disse se solo sapessi quali ricchezze ci sono dietro casa mia e, indicando un luogo vicino, esclamò laggiù c’è un forziere pieno d’oro e un altro d’argento. Poi mise la pietra che gli avevo dato nel suo cappello, sporgendosi in avanti e piegandosi, facendo varie manovre abbastanza simili a quelle di un’esca per piccioni. Alla fine abbassò il cappello e disse con una voce flebile, del tutto esausto, se sapessi ciò che ho visto, crederesti. […] Poi suo figlio Alvin si diede allo stesso spettacolo, che era ugualmente grottesco.”
Poi cita un altro paio di episodi:
“Un’altra volta Joseph padre mi disse che il miglior momento per cercar tesori era nella calura estiva, quando il caldo faceva risalire i bauli di soldi vicino alla superficie del suolo. Vedi, mi disse, le grosse pietre sul suolo? Le chiamiamo rocce, e ne hanno proprio l’espetto, ma in realtà la maggior parte di esse sono bauli pieni di soldi fatti risalire dal calore del sole. Un’altra volta invece mi disse che gli antichi abitanti di questo paese usavano cammelli invece di cavalli. A prova di ciò disse che in una certa collina nella fattoria del signor Cuyler c’era una grotta contenente un’immensa quantità di oro e argento, panoplie e anche una sella per cammelli appesa a un piolo in un fianco della caverna. Gli chiesi di che tipo di legno fosse il piolo. Non sapeva dirlo, ma disse che era simile a pietra o ferro.”
William Stafford (anche lui proprietario di una pietra divinatoria e cerca di minimizzare la sua partecipazione alla caccia ai tesori): “Gran parte del loro tempo era dedicato a scavare alla ricerca di denaro, specialmente di notte, quando dicevano che il denaro poteva essere ottenuto più facilmente. Li ho sentiti raccontare favole meravigliose in merito alle scoperte che avevano fatto durante le loro bizzarre attività di cercatori di tesori. Dicevano per esempio che in un certo posto, su una certa collina nella fattoria di un certo uomo erano deposte chiavi, botti e barili di monete d’argento e d’oro, lingotti d’oro, icone auree, pentole di rame piene d’oro e d’argento, candelabri d’oro, spade e così via. Dicevano anche che quasi tutte le colline in questa zona di New York erano state innalzate da mano umana e che dentro di loro c’erano grandi caverne che Joseph figlio poteva vedere mettendo una pietra di aspetto particolare nel suo cappello in modo da escludere completamente la luce. All’epoca sostenevano che potesse vedere ogni cosa dentro e sotto la terra, che poteva vedere nelle suddette caverne grossi lingotti d’oro e tavole d’argento e che poteva anche scoprire gli spiriti nelle cui cure erano i tesori, vestiti con abiti antichi. In alcuni momenti questi tesori potevano essere ottenuti molto facilmente; in altri era difficile ottenerli. La facilità a potervisi avvicinare dipendeva in gran parte dalla fase della luna. Credo che il novilunio e il Venerdì santo fossero considerati i momenti più propizi per ottenere quei tesori. Considero immaginarie queste storie.”
“Una notte venne da me Joseph Smith padre dicendomi che Joseph figlio stava guardando nel suo cristallo e aveva visto a non molte pertiche da casa sua due o tre pentole piene d’oro e argento a qualche piede sotto la superficie del terreno e che solo il vecchio Joseph e io stesso avremmo potuto recuperarle. Acconsentii pertanto ad andare e ci recammo la sera presto al luogo del deposito. Joseph padre tracciò dapprima un cerchio del diametro di dodici o quattordici piedi e disse che quel cerchio conteneva il tesoro. Conficcò poi nel suolo una serie di bastoncini di amamelide intorno a detto cerchio allo scopo di allontanare gli spiriti malvagi. All’interno del cerchio ne tracciò un altro di circa otto o dieci piedi di diametro. Camminò intorno all’estremità di questo cerchio per tre volte sussurrando fra sé qualcosa che non riuscivo a capire. In seguito piantò una verga di ferro al centro dei cerchi e ci venne imposto un totale silenzio, altrimenti avremmo risvegliato lo spirito maligno che aveva la custodia di questi tesori. Dopo aver scavato una fossa profonda circa cinque piedi attorno alla verga, il vecchio chiese il permesso di andarsene con segni e gesti e andò a casa a chiedere al giovane Joseph il motivo del nostro fallimento. Tornò poco dopo e disse che Joseph era rimasto tutto quel tempo in casa guardando nella sua pietra e sorvegliando i movimenti dello spirito maligno, che aveva visto lo spirito risalire fino al cerchio e che non appena aveva visto il cono che avevamo creato attorno alla verga aveva fatto sprofondare il denaro. Andammo quindi in casa e il vecchio disse che avevamo fatto un errore all’inizio dell’opera; non fosse stato per quello, disse, avremmo potuto recuperare il denaro.”
“Il vecchio Joseph e uno dei ragazzi venne da me un giorno e disse che Joseph figlio aveva scoperto dei tesori davvero notevoli e di valore che potevano essere recuperati in un solo modo. Il metodo era il seguente: si doveva portare una pecora nera nel luogo in cui erano nascosti i tesori e, dopo averle tagliato la gola, la si doveva trascinare in cerchio mentre sanguinava. Fatto questo, la collera dello spirito maligno si sarebbe placata: si sarebbe perciò potuto recuperare il tesoro e la mia parte sarebbe stata un quarto. Gli lasciai prendere una pecora grande e grassa per appagare la mia curiosità. In seguito mi informarono che la pecora venne uccisa secondo comandamento ma che, essendoci stato un errore nel processo, non sortì l’effetto desiderato.”
Joseph Capron: “La famiglia Smith aveva moltissima considerazione per Joseph figlio a motivo di qualche potere sovrannaturale che diceva di possedere. Sosteneva che questo potere gli veniva per mezzo di una pietra con caratteristiche peculiari. La pietra veniva messa in un cappello in modo da escludere completamente la luce eccetto quella emanata dalla pietra stessa. Diceva che la luce di questa pietra gli permetteva di vedere ogni cosa che desiderava. Pertanto scopriva fantasmi, spiriti infernali, montagne di oro e argento e molti altri tesori inestimabili deposti nel suolo. Diceva spesso ai suoi vicini delle sue incredibili scoperte e li esortava a imbarcarsi nell’attività di cercatori di tesori. A chiunque avesse seguito i suoi consigli sarebbero toccati lusso e ricchezza. Si riunì presto una banda: alcuni di loro erano spinti da curiosità, altri erano esaltati nelle loro aspettative di guadagno immediato. Racconterò un episodio in modo che un non iniziato sappia come la compagnia scavava alla ricerca di tesori. Il sapiente Joseph scoprì a nordovest di casa mia un baule pieno di orologi d’oro ma, essendo possesso di uno spirito malvagio, ci volevano abilità e uno stratagemma per recuperarli. Pertanto si diede ordine di infilarci intorno un carico di grossi pali nel suolo in forma circolare per molte pertiche. Questo doveva essere fatto direttamente sopra il punto in cui il tesoro era sotterrato. Si mandò un messaggero a Palmyra per recuperare una spada lucidata; dopodiché Samuel F. Lawrence, spada sguainata in mano, marciò intorno per fare la guardia da un qualsiasi assalto che sua maestà satanica avrebbe voluto fare. Nel frattempo il resto della compagnia era alacremente occupato a scavare per trovare gli orologi. Lavorarono, come al solito, fino a essere esausti ma, nonostante il coraggioso difensore Lawrence e il loro bastione di pali, il diavolo l’ebbe vinta e si portò via gli orologi.”
La famiglia di Eldred G. Smith (pronipote di Hyrum Smith nonché ultimo patriarca presiedente), morto nel 2013 alla veneranda età di 106 anni, ha tre fogli di carta con disegnati sopra simboli magici e custoditi in una borsetta in cotone che si appendeva al collo, usati presumibilmente dai suoi antenati durante le ricerche di tesori.
A questo punto è possibile vedere che la storia di Joseph Smith che trova le tavole d'oro con la pietra divinatoria e lo spirito di Moroni che gli impedisce di recuperarle perché non ha seguito le istruzioni rientra nel filone delle favole raccontate dai money diggers. La pietra divinatoria di Joseph, che è un ovale marrone con strisce più scure, sarà protagonista della storia ancora per un po'.
[Prosegue nei commenti]
submitted by MacCohen to Exmormoni

Anyone know where i can get a copy of minitab 12.1?

submitted by jezmaster to statistics

0 thoughts on “Crack splash pro ex 1.13.2.0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *